VENERDI’ 12 MAGGIO , PALERMO VILLA MALFITANO

 

La Fondazione Orestiadi di Gibellina e La Società Dante Alighieri di Palermo presentano l’incontro con Elvira Seminara. Dialoga con l’autrice Mimì Perrone.

Dopo l’incontro con Silvana Grasso del 3 maggio scorso presso il Polo Museale regionale d’arte moderna e contemporanea di Palermo,  venerdì 12 maggio 2017 alle ore 17,30, si svolgerà a Villa Malfitano a Palermo, il secondo degli incontri  Un viaggio nella scrittura femminile , a cura di Anna Maria Ruta.

Oltre a parlare della loro scrittura, le autrici sono invitate a raccontare anche e soprattutto del loro rapporto con la Sicilia, con la terra madre, da cui hanno variamente attinto vita, cultura, pensieri, riflessioni per le loro trame narrative. Come la vedono la loro Isola queste scrittrici? «La Sicilia, in quanto isola, dice Elvira Seminara, ha più orlo delle altre terre. Perché l’Orlo non è solo il confine, ma lo spazio che racchiude la memoria. E’ la sponda da cui partire, è trincea e trampolino, è il limite dell’orizzonte. Insomma, “orlo” come categoria spirituale.

Elvira Seminara

è nata a Catania e vive ad Aci Castello. Giornalista, scrittrice e pop-artist, crede nella riconversione e contaminazione dei linguaggi e delle cose.

Prima di dedicarsi completamente alla narrativa, ha curato diverse trasmissioni radiofoniche per la Rai,     ha lavorato come redattrice nel quotidiano La Sicilia, prima come cronista e poi opinionista in una rubrica quotidiana, “Oblò”. Come docente ha insegnato Storia del giornalismo nella facoltà di Lettere a Catania e curato laboratori di “Sartoria narrativa (Tagliare e imbastire una storia)”.

I suoi primi due romanzi sono stati messi in scena nel 2014 e nel 2015 dal Teatro Stabile di Catania. I suoi testi sono tradotti in diversi paesi.

Ha pubblicato: Bayt al-Rih (Casa del vento) nel 2004 con Siciliano, Sensi. Donne sull'orlo dell'isola (Sanfilippo 2005), un viaggio-inchiesta tra le donne siciliane. L’indecenza (2008 Mondadori), I racconti del parrucchiere (Gaffi 2009), Scusate la polvere (Nottetempo 2011), La penultima fine del mondo (Nottetempo 2013), Atlante degli abiti smessi (Einaudi 2015).

 

Fondazione istituto di alta cultura Orestiadi Onlus - Baglio Di Stefano 91024 Gibellina - P.I. 01602910810

Copyright Fondazione Orestiadi - Powered by Demetrix s.r.l. for Engineering S.p.a.